Ancora in dubbio la presenza della Triennale di Milano nell'ex area che ha ospitato Expo. «Al momento c'è solo l'ufficiosità e non l'ufficialità».

expo_milanoExpo e Triennale. Un matrimonio difficile ma che gli organizzatori sperano di poter celebrare quanto prima. «Al momento c’è solo l’ufficiosità e non l’ufficialità, la notizia che saremo presenti sul sito che ha ospitato l’Esposizione Universale con sette mostre non può ancora dirsi certa». Questa la spiegazione di Claudio De Albertis, presidente della Triennale, che comunque si dice ottimista. Le mostre della 21esima Esposizione Internazionale del design, al via con l’inaugurazione privata il primo aprile 2016 a Milano, potrebbero così partire con un leggero ritardo rispetto a quanto inizialmente preventivato. La zona di Expo dovrebbe infatti animarsi solo a partire dal 29 maggio. In attesa delle importanti novità scopriamo le principali curiosità sulla Triennale milanese.

I NUMERI
Oltre 40 Paesi partecipanti, decine di partecipazioni internazionali e di eventi, 22 mostre diffuse in altrettanti diversi luoghi. Sono questi i numeri della 21esima edizione dell’Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, l’evento dedicato al design aperto al pubblico dal 2 aprile al 12 settembre 2016 nel capoluogo lombardo e in alcune località dell’hinterland.

EXPO DEL DESIGN
E a vent’anni dall’ultima edizione, questa Triennale è stata già ribattezzata come l’Expo del Design. La manifestazione offre infatti al pubblico un programma ricco di mostre, eventi, festival e convegni. Le iniziative, oltre che a Milano, sono previste anche alla Villa Reale di Monza e al Museo della Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo. Il ragionevole dubbio rimane per quanto riguarda le mostre che gli organizzatori vorrebbero allestire nell’ex area di Expo.

PAESI ADERENTI
Tra i Paesi espositori è prevista una forte presenza della Cina, di Singapore, del Regno Unito e della Svizzera. Ma dalla Triennale hanno fatto sapere che molte altre Nazioni sono pronte ad esporre i propri prodotti d’artigianato e non solo.

BUONI AUSPICI
«Questa è un’iniziativa che torna dopo vent’anni è già di per sé molto impegnativa. Quando abbiamo deciso di espanderla in tutta la città pensavamo al massimo a otto-dieci luoghi. Adesso siamo arrivati a venti luoghi, con 22 mostre e 40 partecipazioni internazionali», ha aggiunto De Albertis. E la Triennale, come già accaduto per Expo, potrebbe portare un importante indotto per le piccole e medie imprese del territorio di 140 milioni di euro, mentre circa 500 mila sono i visitatori attesi nei 5 mesi dell’evento.

14 marzo 2016