In un cartellone de 'I Borghi più belli d'Italia' è stata scambiata la Toscana per l'Emilia Romagna. L'errore di un grafico che lavorava per Eataly.

evid

Non bastavano polemiche, scandali e scetticismo sui lavori legati a Expo, sulla cui inaugurazione del primo maggio aleggia più di qualche nube nera. A rincarare la dose un’altra gaffe che subito ha fatto il giro dei social impazzando in Rete. In un cartellone dei ‘Borghi più belli d’Italia’ è stata confusa la Toscana con l’Emilia Romagna. A confermarlo è stato lo stesso direttore della guida turistica: «L’errore è stato fatto da un grafico che sta lavorando per Eataly».
IN PASSATO DIFFICOLTÀ CON L’INGLESE
Il cartello, (con evidenziato però in rosso il profilo dell’Emilia Romagna), era stato sistemato nell’area dei ristoranti tra i padiglioni di Expo. Sopravvissuto a diverse revisioni e supervisioni, lo strafalcione è arrivato quindi fino alla ‘messa in posa’. Ma non si tratta di un caso isolato. Ad aprile era stato l’inglese a far incombere l’organizzazione in un altro scivolone: ‘Buy your ticket’ (Compra qui il tuo biglietto), si era infatti trasformato in ‘But your ticket’ (ma il tuo biglietto).

23 aprile 2015