Nel suo National Day il Brunei presenta il suo modello di coltivazione. L'obiettivo è diventare un Paese autosufficiente dal punto di vista alimentare.

AF6I8872

Davanti al Commissario Generale del Paese e Ambasciatore del Brunei a Parigi Dato Paduka Zainidi Haji Sidup, il Sultanato del Brunei, ufficialmente Nagara Brunei Darussalam ovvero Stato del Brunei Dimora della Pace, ha festeggiato il suo National Day portando a Exo Milano 2015 l’allegria e la pace delle isole del Borneo del sud-est asiatico.

AF6I8911PASSI DA GIGANTE
Il tema scelto dal Paese per la propria partecipazione all’Esposizione Universale è stato la Scienza e tecnologia per garantire cibo sano, sicuro e di qualità. «Nel nostro Padiglione illustriamo le iniziative intraprese dal Governo nel settore agricolo a partire dal 2009: lo sviluppo delle infrastrutture e l’introduzione delle colture ad alta resa», ha spiegato Dato Paduka Zainidi Haji Sidup. «Gli appuntamenti come questo forniscono preziosi spunti per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi dell’ambiente, e per questo siamo lieti di essere presenti», ha concluso. Al termine della cerimonia, la delegazione ha raggiunto il Padiglione del Brunei nel Cluster delle Spezie, per poi visitare Palazzo Italia.

AF6I9091IL PADIGLIONE
Il Padiglione del Brunei si trova all’interno del cluster Spezie, fonte di grande ricchezza per il sultanato nei secoli scorsi. Oggi, però, il Brunei ha le sue principali ricchezze nei ricchi giacimenti di gas naturale e petrolio. Nonostante ciò, il Paese non è ancora autosufficiente dal punto di vista alimentare. Una situazione che potrà migliorare solo se la ricerca sarà sostenuta da adeguati investimenti e dalla capacità di preservare le foreste del territorio. I visitatori possono conoscere i progressi fatti dal Brunei grazie a una serie di video proiettati all’interno dello spazio espositivo.

11 settembre 2015