Il Paese dell'Est Europa festeggia il national day a Expo, ringraziando l'Italia per gli aiuti forniti dopo il disastro di Chernobyl.

EXPO 2015: National day Bielorussia

La giornata nazionale della Bielorussia a Expo 2015 ha visto la presenza del primo ministro Andrei Kobyakov. Il quale, lodando le relazioni intrattenute tra il suo Paese e l’Italia, ha voluto ricordare come ben 500mila bambini bielorussi colpiti dalla tragedia di Chernobyl abbiano potuto essere curati nel Belpaese: «Quei bambini, molti dei quali ora parlano italiano, sono i nostri primi ambasciatori». La Bielorussia, inoltre, desidera rafforzare le relazioni con l’Italia, soprattutto in campo agroalimentare. Il Paese è infatti uno dei maggiori esportatori mondiali di latticini, di burro e di trattori agricoli.

IL PADIGLIONE
La Repubblica di Belarus, terra agricola solcata da grandi fiumi dalle acque cristalline, ha voluto con il suo padiglione dare risalto proprio a questi elementi. Il suo spazio espositivo è infatti sovrastato da un grande mulino ad acqua che simboleggia la ruota della vita. Al di sotto, è possibile visitare l’interno dello spazio espositivo, ricco di videomonitor interattivi che raccontano l’evoluzione del Paese. Grande spazio è dato agli ensemble di musica folk, che si esibiscono spesso nei dintorni dell’area. «Il nostro padiglione, concepito in Bielorussia e progettato da un architetto italiano», ha spiegato il primo ministro, «ricorda tutto questo e altro ancora».

9 settembre 2015