Dal 9 al 14 ottobre una settimana di eventi per celebrare le tante attrattive regionali. Che attendono di essere scoperte a pochi km di distanza.

Piemonte-mole-Torino

Una fitta serie di eventi che danno la possibilità di scoprire alcune eccellenze della regione Piemonte, dalla presentazione del terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale che si svolge proprio in ottobre a Torino a quella del circuito piemontese dei ristoranti del tartufo, dai convegni sulla montagna e sulla lotta agli sprechi alimentari fino ai concerti jazz e agli spettacoli circensi. Dal 9 al 14 ottobre a Expo va in scena la seconda settimana di protagonismo Piemonte, che segue quella svoltasi nel mese di giugno. Gli eventi rafforzano per alcuni giorni una presenza che si è comunque mantenuta viva e costante nell’arco dei 6 mesi dell’Esposizione Universale milanese, all’insegna della Piemontexperience: dallo spazio nel Padiglione Italia a quello nel Cluster del cioccolato e del cacao, che vede la partecipazione di Torino e del Piemonte come distretto del cioccolato, da quello nel Padiglione del Vino italiano, con 60 postazioni per le degustazioni, fino a quello nel China Corporate United Pavilion. Expo insomma è stato ed è ancora fino alla fine di ottobre il punto di partenza ideale per un viaggio in Piemonte , che dista solo poche decine di chilometri. Alla scoperta di un patrimonio enogastronomico, storico, culturale, naturale…

Ecco il programma della seconda settimana di protagonismo Piemonte a Expo.

Piemonte-Lingotto

VENERDÌ 9 OTTOBRE

10:30 – 13:30 – Palazzo Italia | Auditorium (I piano):
Save the Future: Torino e la sfida alla sostenibilità – Anteprima del terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale, a cura della Città di Torino
La città racconta il proprio percorso, i progetti realizzati e le nuove iniziative connesse alle sfide della nutrizione, della sostenibilità e dello sviluppo economico locale. Torino si pone al centro della scena internazionale grazie ad un intenso programma di mostre, festival, dibattiti che per tutto il mese di ottobre accompagneranno il pubblico nella comprensione del rapporto fra contesti urbani e alimentazione, nella cornice intitolata “nutrire le città”. Anteprima sul Forum e sui contributi concreti che la Città di Torino e i sistemi locali possono apportare alla nuova Agenda dello Sviluppo mondiale.

16:00 – 17:30 – Palazzo Italia | Palco:
Le eccellenze del Jazz piemontese, a cura di PiemonteJazz.
Kermesse musicale a cura del Consorzio PiemonteJazz, con musicisti jazz piemontesi di caratura internazionale e interventi e relazioni sulle maggiori realtà produttive del jazz in Piemonte. Alla kermesse musicale partecipano 8 solisti di caratura internazionale organizzati in 2 formazioni storiche del jazz italiano: “FULVIO ALBANO 4tet feat. MASSIMO FARAO”, con Massimo Farao al piano, Giorgio Diaferia alla batteria, Aldo Zunino al contrabbasso e Fulvio Albano al sax tenore, e “DIEGO BOROTTI – LUIGI TESSAROLLO 4tet feat. ALBERTO MARSICO”, con Luigi Tessarollo alla chitarra, Diego Borotti al sax tenore,
Alberto Marsico all’organo Hammond e Gian Paolo Petrini alla batteria. Scopo della kermesse, oltre alla sonorizzazione in concerto del luogo, è la presentazione e diffusione del marchio di rete “PiemonteJazz” che promuove ogni azione spettacolare, produttiva, formativa e didattica di matrice jazzistica e che sta consorziando le maggiori realtà produttive del territorio piemontese. Alla musica si alternano interventi e relazioni sull’attività del Consorzio e sulla realtà ad esso connesse.

Piemonte 2

SABATO 10 OTTOBRE

14:30 – 17:30 – Palazzo Italia | Sala Confindustria (IV piano):
Safety of Food Chain: the Italian model (La sicurezza della filiera alimentare: il modello italiano), a cura dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d’Aosta.
Presentazione del modello italiano a tutela della salute pubblica attraverso la garanzia di elevati livelli di sicurezza alimentare lungo tutta la filiera produttiva. Il sistema italiano di sicurezza alimentare si basa su dettami generali dell’Unione Europea, ma aggiunge a questi fondamentali le caratteristiche uniche di capillarità sul territorio e di professionalità sanitarie competenti e formate. Il primo aspetto permette, attraverso i diversi livelli di autorità competente (centrale e periferica), di garantire una copertura completa del territorio produttivo; il secondo aspetto, attraverso figure professionali quali Medici Veterinari, Biologi e Tecnici e altri professionisti sanitari garantisce elevati gradi di tutela della salute pubblica.

18:10 – 18:50 – Palazzo Italia | Palco:
DimiDimExpo, a cura di DimiDimitri
Un percorso circense nella migliore tradizione della “Street performance”, con spettacoli che esplorano alcune discipline legate al Circo e al Teatro di strada e alla loro reciproca contaminazione. La struttura delle esibizioni è caratterizzata da alcuni elementi essenziali: la sorpresa (alcune divertenti situazioni brillanti, evoluzioni acrobatiche, momenti di ammirazione e colori che trasformeranno il luogo dell’evento in un piccolo Circo, poi in un Teatro oppure in una Strada), la tradizione (come elemento importante del presente, ma anche come recupero di quanto di meglio appartiene alla storia del Circo di strada e del Teatro dell’arte), il pubblico (che non sarà solo spettatore, ma farà parte integrante dello spettacolo diventando protagonista dell’esibizione), il finale (esplosivo nella migliore tradizione degli spettacoli di circo e teatro d’improvvisazione).

18:30 – 20:30 – Palazzo Italia | Auditorium (I piano):
Convegno “La lotta agli sprechi alimentari: una buona occasione”, a cura di Regione Piemonte e Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d’Aosta.
Rendere il consumo consapevole e sostenibile. È questa la mission di “Una buona occasione (contribuisci anche tu a ridurre gli sprechi alimentari)”, piattaforma web tutta dedicata alla lotta contro lo spreco di cibo. L’evento verrà utilizzato per presentare e condividere il progetto di lotta agli sprechi alimentari che vede Regione Piemonte, Regione Autonoma Valle d’Aosta e Ministero dello Sviluppo Economico promotori de ‘Una Buona Occasione (contribuisci anche tu a ridurre gli sprechi alimentari)’ – progetto realizzato in collaborazione con quattro Dipartimenti dell’Università di Torino, Last Minute Market, Slow Food, CinemAmbiente, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, Museo A come Ambiente e, per l’appunto, con la Grande Distribuzione Organizzata e le Associazioni dei Consumatori.

Piemonte-vigneti

DOMENICA 11 OTTOBRE

10:30 – 11:30 – Palazzo Italia | Sala meeting (IV piano):
La Venaria Reale, la Reggia dei contemporanei, a cura di Reggia di Venaria Reale
Illustrazione del progetto di recupero e degli eventi in corso alla Venaria Reale. Proclamata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, La Venaria Reale è un grandioso complesso architettonico che risale alla metà del Seicento, alle porte di Torino, “porta d’accesso” del circuito delle Residenze Reali del Piemonte. Inaugurato otto anni fa, dopo essere stato il più grande cantiere di restauro in Europa riferito ad un bene culturale, attualmente è tra i primi monumenti visitati in Italia. Tra i molteplici eventi in corso, da segnalare la grande mostra “Raffaello. Il Sole delle Arti”.

17:10 – 17:50 | Palazzo Italia | Palco:
Courenta Minima Orchestra. Le Valli occitane e le Terre del Monviso, a cura della Città di Saluzzo.
Courenta Minima Orchestra è un gruppo di musica tradizionale occitana, che rappresenta il festival Occit’Amo delle terre del Monviso e delle Valli occitane. Presentata dal giornalista Paolo Ferrari, è occasione per narrare cultura, musica e tradizioni, alternando a coinvolgente musica popolare. La cultura popolare della musica e delle tradizioni occitane, dei trovatori, è la filosofia di OCCIT’AMO, festival di musica e arti, sui palcoscenici inusuali delle 6 Valli del Monviso. 53 appuntamenti: LA POLIFONIA OCCITANA, LA MUSICA TROBADORICA: LiliumLyra, LA NUOVA MUSICA OCCITANA: Cap Levat, GLI STRUMENTI TRADIZIONALI OCCITANI: La Quimera, IL BALLO: Courenta Minima Orchestra e Pitakass. Presenta il giornalista Paolo Ferrari.

Piemonte-venaria-reale

LUNEDI’ 12 OTTOBRE

12:10 – 12:50 | Palazzo Italia | Area Palco:
Spettacolo “L’arruolamento nel Piemonte del XVIII secolo”, a cura del Gruppo Storico Pietro Micca
Presentazione di un tassello importante per la storia della nostra regione e, in particolare, la Città di Torino che, nel 1706, dovette fronteggiare un lungo assedio francese.
Verranno raccontati alcuni episodi di vita all’interno dei campi militari dell’epoca, inscenando l’arruolamento di nuovi uomini, giovani soprattutto, che presero servizio nell’armata ducale di Vittorio Amedeo II al fine di difendere Torino, capitale del Ducato, dall’assedio ordinato dal Re di Francia Luigi XIV durante gli anni della Guerra di Successione Spagnola. L’accento sarà posto anche su un tema caro ad Expo: l’alimentazione, parlando del pane da munizione e della sua importanza per i soldati in servizio.

borgo-Mediovale-Piemonte

MARTEDI’ 13 OTTOBRE

10:30 – 13:30 – Palazzo Italia | Auditorium (I piano):
Convegno “Vivibilità della montagna: necessità di azioni condivise per la tutela di interessi comuni”, a cura di Regione Piemonte, Conferenza Stato Regioni e 6 Regioni alpine.
Il tema della Montagna come laboratorio di sostenibilità per il sistema paese, la necessità di networking e azioni condivise per il suo sviluppo. L’evento verrà utilizzato in chiave strategica come occasione per rafforzare la “rete” degli interessi e degli obiettivi comuni alle Regioni dell’arco alpino, ponendo al centro della discussione la tematica “vivibilità della montagna” e finalizzando i lavori ad addivenire a policy condivise da parte degli amministratori, oltre che per condividere modelli, casi ed esperienze positive regionali ed internazionali con focus su educazione/conoscenza, sviluppo sostenibile e social innovation. Partecipano i Presidenti delle Regioni dell’arco alpino.

11:10 – 12:50 – Palazzo Italia | Palco:
Le Alpi Graie in concerto, a cura di Coro Stellina – CAI di Viù (TO)
Nell’ambito della giornata dedicata al “Convegno internazionale Vivibilità della montagna”, il Coro Stellina di Viù vuole proporre all’attenzione del pubblico una serie di brani dedicati alla realtà “Montagna”, che esaltano la bellezza, la serenità, le difficoltà, i ricordi , i sogni e gli affetti che solo la montagna riesce a far nascere e rivivere in ognuno di noi. Interpretazione di brani di montagna e di canti popolari in lingua italiana, regionale italiana e francese.

18:30 – 21:30 – Palazzo Italia | Auditorium:
La refrigerazione di qualità per la conservazione dei cibi, a cura del Centro Studi Galileo
Il convegno, previsto in lingua italiana e inglese, a ingresso libero e co-organizzato con la Regione Piemonte vedrà la partecipazione delle Nazioni Unite, del Ministero dell’Agricoltura e delle principali associazioni mondiali della refrigerazione. Gli interventi delle aziende di CMCDF saranno incentrati sulle ultime innovazioni tecnologiche del settore per la buona conservazione dell’agroalimentare italiano di qualità e dei cibi nelle Nazioni in via di sviluppo.
A moderare l’incontro due nomi di primissimo rilievo del settore, considerati tra i maggiori esperti mondiali: il Prof. Alberto Cavallini (Presidente Onorario dell’International Institute of Refrigeration e ordinario dell’Università di Padova) e il Prof. Marco Masoero (Ordinario presso il Politecnico di Torino e già direttore del Dipartimento Energia).
Nell’organizzazione dell’evento sono coinvolti come partner le principali agenzie delle Nazioni Unite: UNEP (Ambiente), Unido (sviluppo industriale) e, particolarmente significativa nella cornice di EXPO, FAO (sicurezza alimentare).
L’industria di Casale Monferrato Capitale del Freddo è partner ideale di quest’ultima, visto l’elevato livello tecnologico delle produzioni e vista la capillarità della rete commerciale delle aziende che operano sul territorio patrimonio UNESCO dal 2014.
Il Monferrato è stato pioniere a livello europeo nella refrigerazione e ora presenta nuovissime tecnologie, sconosciute alla maggior parte delle nazioni mondiali permettendo alle nazioni avanzate e a quelle in via di sviluppo di ottenere alimenti perfettamente conservati.
I relatori saranno i massimi esponenti di queste industrie. La presidenza del convegno sarà composta dal Presidente dell’Associazione Francese del Freddo (la più antica associazione mondiale della refrigerazione) Gerald Cavalier, dal Direttore dell’International Institute of Refrigeration Didier Coulomb (ente intergovernativo partecipato da 63 nazioni che coinvolge più dell’80% della popolazione mondiale), dal Vice Presidente AREA (Associazione Europea del settore con 21 nazioni e 125.000 tecnici coinvolti) Marco Buoni, dal Direttore dell’Agenzia di Sviluppo LAMORO Umberto Fava oltre che dagli alti funzionari ONU Divine Nije e Riccardo Savigliano.
Sono attese le presenze del Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Giorgio Ferrero per suggellare ad altissimo livello istituzionale l’importanza del meeting.

15:00 – 17:00 – Palazzo Italia | Area Palco:
Cirko Vertigo

bardonecchia-neve-piemonte

MERCOLEDI’ 14 OTTOBRE

10:30 – 13:30 – Palazzo Italia | Sala meeting (IV piano):
Presentazione Truffle Club, il circuito piemontese dei ristoranti del tartufo, a cura di Truffle Club.
Presentazione di un circuito di ristoranti che operano in Piemonte e che attuano sistemi di qualità di servizio del Tartufo Bianco d’Alba. Nel territorio piemontese si trova il più importante distretto del tartufo. Qui, una materia prima straordinaria arriva sulle tavole in condizioni perfette grazie alla sapienza di centinaia di ristoratori e al rispetto di un rigido codice etico. Dalle osterie ai ristoranti stellati, una galassia di chef del territorio sa alla perfezione come selezionare, conservare, servire, abbinare, raccontare il Tartufo Bianco. Si tratta di un patrimonio di saperi e di tradizioni vincolato da un patto di trasparenza con il consumatore, garantito dall’adesione al “Truffle Club”: il primo circuito di ristoranti di qualità del tartufo.

15:00 – 16:00 | Padiglione Slow Food:
La biodiversità nello Sviluppo Rurale. Frutti dimenticati e biodiversità recuperata, a cura di Regione Piemonte
L’evento consiste in un Convegno durante il quale verranno illustrate le misure del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte, in fase di approvazione, a tutela della biodiversità vegetale. Durante il Convegno verrà presentata la pubblicazione “Frutti dimenticati e biodiversità recuperata” del Piemonte e Sardegna, realizzata grazie alla collaborazione, per la parte Piemontese, di Ispra, Arpa Piemonte, Di.S.A.F.A. (ex facoltà di Agraria di Torino), Scuola Malva Arnaldi, Creso Ricerca, CNR Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante. La pubblicazione, che sarà distributita ai partecipanti, illustra alcune delle numerosissime varietà antiche di frutto, principalmente interessanti dal punto di vista agronomico ed organolettico. Alcune di queste varietà saranno esposte in una mostra pomologica che farà da cornice all’evento. Alcune delle stesse varietà frutticole descritte, opportunamente e sapientemente trasformate, saranno degustate al termine del Convegno.

2 ottobre 2015