'Dalla preistoria alla Bibbia'. È questo il titolo dell'esposizione allestita da Coldiretti per raccontare, sino alla fine di Expo, i cibi più antichi del mondo arrivati ai giorni nostri attraverso i secoli.

fagioli_sgranatiSi intitola Dalla preistoria alla Bibbia la mostra sui cibi più antichi del mondo arrivati fino a noi. Da giovedì 24 settembre, sino al termine dell’Esposizione Universale, al Padiglione Coldiretti è stata allestita una rassegna di produzioni uniche che sono state conservate nei secoli: dalla manna al vino cotto, dall’idromele fino al grano monococco (la specie geneticamente più antica di grano coltivato originario della Turchia).

CONSERVARE LE BIODIVERSITÀ
La mostra vuole essere una testimonianza dell’impegno degli agricoltori nella conservazione della biodiversità che contribuisce a rendere l’agricoltura italiana la più green d’Europa. Durante la presentazione dell’allestimento, alla presenza del presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo, è prevista la divulgazione del dossier sul Made in Italy salvato dall’estinzione.

23 settembre 2015