Dipinti, sculture, installazioni. Così gli artisti di tutto il mondo hanno raccontato il fascino della vita attraverso le loro creazioni.

evid-pezzoNon solo cibo. L’Esposizione Universale è anche lo scrigno che contiene opere d’arte provenienti da tutto il mondo. Un linguaggio condiviso per descrivere l’identità di un Paese. E così gli artisti  hanno fornito il loro contributo al semestre espositivo con tutte le opere che meglio descrivono la loro epoca e la loro società all’insegna della bellezza della vita.

Gaetano Pesce: Senza fine unica. L’artista propone due enormi troni composti da un unico cordone di silicone policromo, di cui non si percepisce quale sia l’inizio o al fine, la sagoma incerta attribuisce loro un senso di inconsistenza. Con quest’opera l’artista medita sull’importanza degli oggetti della vita quotidiana. Dov’è: Parco delle Sculture, Padiglione Eataly

26 giugno 2015