Dipinti, sculture, installazioni. Così gli artisti di tutto il mondo hanno raccontato il fascino della vita attraverso le loro creazioni.

evid-pezzoNon solo cibo. L’Esposizione Universale è anche lo scrigno che contiene opere d’arte provenienti da tutto il mondo. Un linguaggio condiviso per descrivere l’identità di un Paese. E così gli artisti  hanno fornito il loro contributo al semestre espositivo con tutte le opere che meglio descrivono la loro epoca e la loro società all’insegna della bellezza della vita.

Dante Ferretti, I guardiani del cibo - Il mercato (otto postazioni). L’installazione di Dante Ferretti piega le sfide e gli spunti per lo sviluppo che Expo Milano 2015 offre ai Paesi di tutto il mondo. All'ingresso si è accolti da una parata di statue ispirate ai ritratti di Giuseppe Arcimboldo che rappresentano in forma antropomorfa i lavori e i prodotti tipici della tradizione italiana. L’Italia si fa vanto delle proprie produzioni agricole. Il punto d’incontro tra i contadini e le persone è il mercato. E per questo ai mercati tradizionali italiani e ai prodotti tipicamente in vendita si è ispirato il grande scenografo, tre volte premio Oscar, Dante Ferretti: le sue otto installazioni sul Decumano, realizzate esclusivamente per l’Esposizione Universale, hanno inaugurato il 2 giugno la settimana dell’orgoglio italiano. Dov’è: Decumano

26 giugno 2015